CHI È GIULIANO NEGRETTO?

L’Artista Negretto Giuliano nasce nel ’72 ad Arzignano (Vicenza), paese dove vive tutt’ora.

Ha lavorato da sempre nel mondo del metallo artigianale.

Nei primi anni come battilamiera nel settore automobilistico, successivamente come fabbro così apprendendo varie tecniche come la forgiatura, il lavoro al maglio, poi ancora il vero Ferro Battuto fatto a mano fino all’uso dell’Acciaio Inox nei svariati campi nelle varie tecniche artigianali.

Nel frattempo, in questi anni, Negretto intraprende degli studi su stesso, sulla natura dell’uomo, sulle regole dell’estetica, sull’arte, acquisendo più fiducia in se stesso e riscoprendo la sua vera indole artistica.

E per questo che Giuliano ringrazia la filosofia religiosa di Scientology.

Nel 2010 inizia la sua carriera artistica. Realizza i suoi primi quadri con le “gocce” di acciaio sull’acciaio. Con la fiamma ossidrica estrapola il colore dal metallo. Si propone con delle mostre personali. Inizia a sviluppare opere più grandi e intricanti con tecniche sempre più originali come le sue idee.

In questi anni, spesso si confronta con il pubblico nelle piazze. Un giorno, spiegando ad alcuni ragazzini come realizza le varie colorazione, pronuncia una frase che poi diventerà il suo noto motto:

“Non è colore ma Calore!”

Negretto con il suo operato ha formato un nuovo e vero stile artistico, molto riconoscibile, chiamato dall’artista “Calorismo“.

Lo stile si indentifica, soprattutto dal fatto che usa la fiamma per colorare le sue opere, donando cosí colori ” radianti” al metallo. Inoltre il calore del fuoco viene impiegato anche per modellare e sagomare il metallo. Il materiale più prediletto dall’artista è l’acciaio inox ma anche altri metalli, come il Titanio.

In questo modo Negretto sviluppa moltissime opere, per l’interno e per l’esterno fino a monumenti nelle piazze, inoltre ha tutta una sua linea di creazioni da indossare e per arredare.

Giuliano ringrazia la sua famiglia e i suoi amici per i prezziossimi supporti.

Scopri di più sull’artista e su come avere un’opera su misura per te